… e i telefilm quando arrivano?

Posted on : 27 gennaio 2012

0


Tempo di lettura previsto: 3 min

Musica consigliata: Like Treasure Editors

Dice, sempre a parlar di tv, ma per forza, così inevitabilmente il sintomo di tutti i mali. Com’è che da un po’ di mesi a questa parte mi par di vedere gli stessi film rotare da canale a canale? (ieri era la volta di Mr. e Mrs. Smith che ho visto di sicuro non più di due mesi fa) Non è che perché i canali sono aumentati col digitale allora sono aumentati gli spazi per gli stessi film.

L’idea è creare contenuti nuovi. Pare che sia faccenda troppo rivoluzionaria. Come anche creare un qualche telefilm degno di essere chiamato telefilm. Perché al momento quando vedo un qualcosa di italiano fatto per la tv, lo chiamo fiction, ed è già insulto. Dico alla mamma “che c’è stasera?” una cosa di preti, o di suore, o di peccati e vergogna, “ah, una fiction”. E allora meglio rivolgersi al pc.

Sì, adesso che hanno chiuso tutto, megavideo, megaupload, videobb, etcetc, è una tragedia degna di essere raccontata dai maggiori cantastorie omerici, e io davvero non sono affatto per il furto di diritti, anzi mi spiace per sceneggiatori produttori e compagnia, ma non potrò mica comprarmi tutte le serie televisive americane no? E poi quanto dovrei aspettare prima di averle, qualche eternità? Guardarli in diretta sui canali Us, va bene, e i sottotitoli?

E invece ci sono quei poveri disgraziati che fanno, volontariamente direi a occhio e croce, quel lavorio di sottotitolazione per la gloria eterna e per eterna gratitudine mia e non solo. Perché dicevo “telefilm” italiani io non ne ho mai visti nella vita. Nel senso, ho amato e amo tuttora moltissimo Boris, ma di fatto non è propriamente un telefilm, lo amo, davvero, lo giuro, però è una serie di satira/critica etc., che tra l’altro mi ha inchiodato in testa l’idea che lo sceneggiatore sia un mestiere che vale la pena tentare, ma non è un criminal minds, csi, the good wife.

Ma cosa ci mettono loro per fare dei prodotti così? Com’è che la loro luce ha subito qualcosa di speciale, riconoscibile, ammirabile? Cos’hanno loro che noi no? Ok, in meno saprei dirlo. Loro non hanno Manuela Arcuri per dire, e già mi sembra un traguardo non da poco che mi piacerebbe affatto raggiungere.
Ma comunque, perché noi snidiamo solo storie di vecchi o di baristi o di preti o di suore o di peccati e di vergogna? A occhio direi che il papa e i preti c’entrano qualcosa. E se invece fosse questione di alimentazione? Perché insomma, cos’hanno loro che noi no? E a prima vista mi vien da dire gli hamburger grassi da otturare le arterie solo ad annusarli, e se fosse quello il fattore? Accidenti a noi e al nostro sole e frutta e verdura.

Effetti indesiderati: Sottoporsi a sessione intensive di peccati e vergogne può portare a ambliopia, o anche “malanno dell’occhio pigro”, da risvegliare, insieme al cervello, semplicemente staccando la spina. Salute agli occhi vigili.

Per ulteriori effetti collaterali contattate Gezebel a
pi.gezebel.mos @ gmail.com

Articoli correlati, più o meno:

Se mi traduci (male), ti guardo

Twilight crea un’elevata dipendenza, non iniziare

Marra feat Arcuri. Brutta pubblicità purché pubblicità.

Annunci