Got mit uns! Vi dice nulla? A me e a Saya no

Posted on : 9 settembre 2011

0


Tempo di lettura previsto: 2,5 min

Musica consigliata: Long train running Doobie Brothers

Dopo la calura estiva che ci ha strinato a tutti i peli del babao, finalmente si scorgono venti di freschezza attraversare le lande della nostra Disgrazia. Siamo ancora ben lontani dal livello innovativo di rivoluzioni come il tavolino trasportabile per mangiare direttamente sul divano o della scarpiera a 3 o 5 ante che implicava per altro importanti grovigli scientifici e filosofici: “L’unico oggetto che non occupa spazio ma ne crea”.

Ci troviamo comunque appena sotto per rilevanza e potenziale. Avete mai sentito parlare di un Gaetano Saya? No, non è quello del Test Med e non serve per salire le scale senza fatica. E’ una persona a quanto si dice che, a quanto lui dice, incarna la novità assoluta.

In un mondo in cui tutti sono convinti che quando una donna dice no, vuol dire sì, allora ci sta anche il concetto di novità di Saya. Sentite: leader e promotore del movimento degli ultranazionalisti italiani. Dietro al suo stretto e nerissimo tappetino di baffo si crogiola in potenti orazioni a base di vade retro gay, stranieri, ebrei e generico non cristiano cattolico. Nel programma è pure specificata per bene la data entro cui devi essere entrato in Italia per definirti italiano: 31/12/1977. Indicibili quante questioni etiche si risolvono con questa data. Propongo a Saya di operare una simile datazione per gli embrioni, risparmierebbe a tutti tanta fatica mentis.

Naturalmente lui e i suoi amici hanno pensato anche ad una nuovissima divisa sui toni del nero con camicia bianca (o ocra) e l’idea dello stemma viene direttamente dal mondo dei bipedi alati nella forma di un aquilotto. Carino nè? La vera novità è che Saya e gli amici suoi si sono pure inventati un saluto a braccio destro teso e alzato terminante con tre dita in mostra e le altre nel pugno (pare sia indice del terzo impero romano??)

Un concentrato di novità difficile da trovare anche guardando bene nello spazio creato dalla scarpiera a 5 ante e infatti lui continua a ribadire la freschezza del suo movimento che non ha nulla a che vedere con analoghi pregressi. A parte gli Imperi Romani, s’intende. A qualche politico principalmente del PD ha evocato qualcosa e si è persino permesso di insinuare che un movimento del genere potrebbe incitare all’odio razziale e inasprire ulteriormente le già difficili manovre d’integrazione. Assurdo vero? Sempre a mettere il becco laddove c’è novità.

Saya è comunque pronto a sfoggiare il suo carnaio a Genova il 24-25 settembre. Per chi ha intenzione di andare consiglio un abbigliamento pesante e sciarpe di lana. Potrebbe tirare un gran vento di originalità.

Effetti indesiderati: In caso il paziente presentasse i suddetti sintomi sono consigliabili docce calde a base di Zyklon B da ripetersi fino alla piena scomparsa.

Per ulteriori effetti collaterali contattate Moses a pige.moses @ gmail.com

Articoli correlati, più o meno:

Vov! C’è dello Zucca nella zucca

Se non Kennedy o Obama, vada per una puttana

I leader della sinistra si lavano poco e hanno paura a guardarsi allo specchio. Ovvero ognuno argomenta come può

Posted in: stupor