Se mi traduci (male), ti guardo

Posted on : 16 febbraio 2011

4


Durante un recente viaggio a Londra mi è capitata la fortuna di incontrare un italico gruppetto di traduttori di titoli di film in viaggio di lavoro. Sapendo di incarnare il desiderio di molti, mi decido a seguirli aspettando il momento più opportuno per porre la fatidiche domande: qual è la logica che sta dietro alle vostre traduzioni? non vi viene mai il dubbio di storpiare l’intento del film di cui il titolo fa parte? Chi è il vostro spacciatore?

Ebbene non ci crederete ma la realtà, anche in questo caso, supera di gran lunga ogni aspettativa e le risposte che tutti noi agogniamo, sono racchiuse nella natura stessa di questa categoria di persone che hanno sviluppato una forma di linguaggio a sè.

Riporto alcune parti di dialogo che sono riuscita a captare e per le quali è necessario il cifrario annesso.

Cifrario:

Road to perdition -> Era mio padre
Home alone -> Mamma, ho perso l’aereo!
Bruce Almighty -> Una settimana da Dio
La boum -> Il tempo delle mele
The wedding planner -> Prima o poi mi sposo
The eternal sunshine of a spotless mind -> Se mi lasci ti cancello
Domicile conjugal -> Non drammatizziamo è solo questione di corna
The seven year itch -> Quando la moglie è in vacanza
The sound of music -> Tutti assieme appassionatamente
The Texas chainsave massacre -> Non aprite quella porta

A: Who was at the phone?
B: Road to perdition!
A: And what did he tell you?
B: Home alone!

A: Hello Rob! How has been your holiday?
B: Bruce Almighty

AU MARCHE’
A: C’est la boum?
B: Ouì bien sur, 1 € par kilo

A: The wedding planner
B: Great! but remember that the eternal sunshine of a spotless mind
B: Domicile conjugal!

A:Shall we go to Paul the seven year itch?
B: yeah! the sound of music

A: Careful, the Texas chainsave massacre, I’ve just shitted

Ora tutto torna, vero?

Questo post è in memoria di tutti i film deturpati da una manipolo di cretini che è convito che Se mi traduci (male), ti guardo.

Effetti indesiderati: l’abuso passivo di questi elementi conduce alla diffusione di focolai necrotici. Tra le più frequenti vi sono la pulpite del dente, volgarmente conosciuta come dente del morto, necrosi dell’unghia e del capezzolo. In presenza di necrosi, i tessuti si mostrano scuri, maleodoranti e freddi al tatto. Lo stadio ultimo della cancrena, che termina con l’asportazione dell’organo, è caratterizzata da tumefazione e odore nauseabondo.

Per ulteriori effetti collaterali contattate Moses a pige.moses @ gmail.com

Articoli correlati, più o meno:

La civiltà appesa a un filo

Adeste Pigemos! un movimento per riportare la tazzina da caffè dentro le leggi della fisica

Sì x No, No x Sì. Al diavolo voi e il nucleare

Messo il tag: , , ,
Posted in: afasia